Decreto scuola, Gilda: perplessità su metodo e merito.

“Considerata la straordinarietà della situazione di emergenza e l’approssimarsi della fine dell’anno scolastico, comprendiamo la necessità di adottare misure in tempi rapidi, ma ciò non giustifica il mancato coinvolgimento delle organizzazioni sindacali rappresentative di un milione di lavoratrici e lavoratori del mondo della scuola. Dopo il confronto della scorsa settimana, ci auguravamo che la ministra Azzolina convocasse un incontro specifico sui contenuti del provvedimento varato oggi in Consiglio dei Ministri. Ancora una volta, dunque, constatiamo con amarezza che è stato deciso di procedere unilateralmente”. Leggi tutto “Decreto scuola, Gilda: perplessità su metodo e merito.”

Emergenza Corona Virus.

Vista la situazione determinata dal DPCM del primo ministro Conte, si sospende l’apertura consueta della sede di Sassari e Olbia.
I colleghi/e iscritti alla Gilda per casi urgenti saranno ricevuti per appuntamento da concordare al numero +393474063656.

“Colleghe/e
In vista di un tavolo di confronto regionale sull’emergenza, a tutela di tutto il corpo docente vi invito a segnalare a gildass@tiscali.it eventuali abusi o comportamenti scorretti nelle scuole (collegi docenti convocati senza sicurezza, ricorso alle ferie d’ufficio, convocazioni a scuola per formazione a distanza).”

Il coordinatore provinciale
Giampiero Nurra

 

COMUNICATO Scuola: gli accordi firmati vanno rispettati!!!

• Gli interventi dei vari Ministri che in questi anni si sono succeduti hanno
evidenziato preoccupanti segnali di incompetenza ed improvvisazione con
risposte “di pancia” invece che “di testa” e stanno portando il Comparto al
declino e confusione totale. Esempi eclatanti: il Bonus/fondo per la
valorizzazione nella contrattazione; i DSGA FF che senza laurea non possono
fare il concorso ma possono reggere 2 scuole; il servizio sul sostegno senza
specializzazione che vale come servizio nella classe di concorso per le
graduatorie di istituto ma non per accedere al concorso
• Logica e coerenza non esistono: sono stati uniti i comparti di lavoro e si sono
divisi i ministeri con ristrutturazioni dei locali di viale Trastevere a spese degli
Italiani
• Il rinnovo del CCNL non è stato ancora affrontato e la chiusura al confronto
del Ministero alimenterà contenziosi e ricorsi cari agli ambienti di altri
sindacati
• I concorsi per contrastare il problema del precariato sono banditi in ritardo e
senza alcun rispetto delle richieste e delle aspettative del personale
• Le pratiche delle pensioni, non più gestite dall’INPS secondo un presunto
accordo col Ministero dell’Istruzione mai reso pubblico, sono state scaricate
sulle segreterie delle scuole con un supporto provvisorio e non adeguato
Le tematiche dello stato di agitazione e della mobilitazione
saranno illustrate in
assemblee unitarie dal 9 al 13 marzo a Verona e provincia.

17 marzo SCIOPERO
del personale precario della scuola e dei DSGA FF

 

 

COMUNICATO_feb20